Il digiuno - studioacacia.it

Voto religioso o reale amico della salute ?

Domanda assolutamente lecita devo dire, visto che come al solito gli strumenti di informazione, mass media, giornali etc, si perdono in messaggi contrastanti e mai chiari e completi.
Il digiuno, reso famoso dai monaci tibetani e dagli islamici per motivi religiosi, deve a dovere essere considerato un vero amico della longevità, perché aiuta concretamente e velocemente a migliorare lo stato di salute e la composizione corporea di un individuo.
Per essere chiari, rende più snelli diminuendo in cm il giro-vita e le cosce, migliora i valori ematici, favorisce la disintossicazione, la diuresi, la guarigione dalle malattie, stimola il sistema immunitario e tutte le attività organiche.
Come al solito, però, è questione di misura!  
Il digiuno infatti, se usato in maniera eccessiva, cioè prolungato oltre i limiti e le capacità di adattamento del corpo, può essere nocivo, indebolire, portare a malnutrizione, sottopeso, anemia, astenia etc.
E’ opportuno quindi digiunare con metodo e logica.
Per esempio, le linee guida più accreditate consigliano digiuni intermittenti e parziali. Intermittenti, cioè alternati a periodi di regolare alimentazione, ad esempio due giorni di digiuno e 5 di nutrizione regolare, oppure a giorni alterni, digiuno-alimentazione regolare-digiuno-alimentazione regolare etc….; parziali, cioè non totali, inserendo ad esempio solo fibre per favorire la regolarità intestinale e la disintossicazione dell’organismo, o non superando un TOT calorico che può variare da caso a caso, in genere mai superiore alle 600 kcal, costituite ovviamente da cibi sani, disintossicanti e ricchi di nutrienti.
Insomma, come sempre EST MODUS IN REBUS, e, se ci sapete fare, il digiuno intermittente può diventare il vostro migliore alleato per perdere peso ed essere in salute e pieni di energia.

Segui il nostro canale Video





Regole nutrizionali

Mangia a sazietà, non sei nato per soffrire la fame